Giovanni Fiori

Giovanni Fiori è nato ad Ittiri nel 1935. Le origini contadine hanno avuto grande influenza nella acquisizione delle conoscenze linguistiche del sardo e nella maturazione delle proprie esperienze umane, e si riflettono fortemente nella sua creazione poetica. Finite le scuole dell’obbligo ha continuato a studiare da privatista, ma è sostanzialmente un autodidatta. Dopo una parentesi all’estero per seguirvi un corso di studi, ha partecipato in prima persona, da dirigente sindacale, alla stagione delle grandi lotte contadine e operaie delle provincia di Sassari tra la seconda metà degli anni ‘60 e tutto il decennio ’70 in qualità di responsabile del settore agricolo e bracciantile della CGIL.
Ha coltivato fin da giovanissimo l’amore per la cultura, l’arte e la poesia, in particolare quella in lingua sarda. Innumerevoli i riconoscimenti ottenuti, anche fuori dall’isola, nei vari concorsi a cui partecipa ormai da 50 anni. Primo premio al “Città di Ozieri” (1974) e più volte Premio speciale nello stesso concorso, a Olzai (1980), a Tempio (1981, 2005), a Nuoro (festa della poesia, 1981), al “Romangia” di Sennori (1982, 2003 e 2006) al “Nosside” di Reggio Calabria (1986), a Posada (1986), al “Logudoro” di Ozieri (1987, 1989, 2003, 2005), a Ossi (1987, 1990), a Tissi (1988), a Paulilatino (1988), a Villanova Monteleone (1991), a Macomer (1999), a Orgosolo e Mamoiada (2004), al “Giorgio Pinna” di Pozzomaggiore (2005, 2011) per citare solo alcuni dei primi premi, tralasciando molti altri riconoscimenti.
Ha collaborato per tanti anni a S’Ischiglia, rivista mensile di poesia letteratura ed arte di Sardegna fondata da Angelo Dettori. Partecipa attivamente a conferenze e dibattiti in diverse parti della Sardegna, con i maggiori studiosi ed esperti della lingua sarda. E’ stato ed è tuttora componente di diverse giurie nei Concorsi di poesia in limba (Concorso delle ACLI Sardegna, di Tissi, della Terza Circoscrizione di Sassari (Li Punti) di Dorgali, di Giave, di Posada, ecc.).
Presentato da Paolo Pillonca, ha rappresentato la poesia in lingua sardo-logudorese al Convegno “Traghetti di poesia”, tenutosi a Cagliari dal 1° al 3 febbraio 2010, al quale hanno partecipato altri autori sardi e poeti in lingua italiana, tra i quali: Maria Luisa Spaziani, Ennio Cavalli, Luca Morricone, ecc.
Nel 1986, per i tipi di Trois è apparsa la sua prima raccolta di poesie, Camineras; nel 1999, ha pubblicato con la Soter di Villlanova M.L., Terra mia, istanotte mi ses cara, poesie con fotografie di Salvatore Ligios. Sempre con la Soter Editrice pubblica nel 2004 Bisos e chertos raccolta di poesie con un secondo volume contenente un ampio e prezioso glossario sardo-italiano, arricchito da una minuziosa e paziente ricerca di vocaboli, locuzioni e modi di dire attinti dalla vita e dalla cultura lingustica del mondo agro-pastorale ed offre al lettore un utile strumento per una più agevole comprensione dei testi della raccolta. Attualmente lavora alla pubblicazione della raccolta dei suoi sonetti, scritti nell’arco di oltre un cinquantennio.
E’ stato componente della Consulta Locale Coros “per la cultura e la lingua dei sardi” costituita a norma dell’art. 8 della legge regionale 15.10.1997 n° 26 dai Comuni di Ittiri, Villanova M. L., Monteleone R. D., Romana e Mara.

Hanno scritto di lui:

Leonardo Sole: “La poesia di Giovanni Fiori, poeta formatosi nell’ambito del Premio “Citta di Ozieri”, è caratterizzata da una trama fonico-ritmica robusta e originale, che non rinuncia allo spessore semantico (il cosiddetto messaggio del poeta) per il richiamo allettante della musica, ma sa asservire la melodia del verso a un’attenta opera di scavo della sua esperienza umana” (La Nuova Sardegna, 24/9/1981).
Nino Fois: “Su sardu de Giuanne Fiore est su sardu chi unu che isse l’hat manizadu dae semper. Padronu de sa limba coment’est, si l’hat arribbata, bella costoìda…; sas peraulas ch’hat intesu dae sos mannos suos che li pigan a laras dae su coro… Dae sa pinna de Giuanne Fiore sas peraulas bessin che-i sos colores dae su pinzellu de su pintore, e-i su versu sonat che campana a repiccu in die de festa…” (dal saggio “S’àndela de sa poesia sarda dae deris a oe”).
Tonino Mario Rubattu: “Giuanne Fiore, attaccadu a sa terra sua che pagos, e che pagos padronu de sa limba, su l’istare fattu in custas “Camineras” infustas de suore… est grascia ch’ispallattat coro e mente, est gosu licchittu pius de mele puzoninu. In cada versu, a pius de sos cuntzettos limpios e ingranidos che trigu de trìulas, galu gosas in su leare istiga de sa faeddada solenne de una ’olta, in s’intender laras e barras tzoccheddende a donzi muttu… paris cun su ’ider tuddire sa moderna poesia sarda!” (dae Camineras).
Giommaria Cherchi: “Giovanni Fiori, anche per quanto concerne i moduli formali, la ricerca e la scelta - in lui incessanti e rigorose - del linguaggio, giunge a rese ed esiti espressivi di persuasiva risonanza, avvalendosi di un lessico che, per essere usato con disinvoltura e scioltezza, acquista la straordinaria fluidità e trasparenza di un immediato dialogo con la natura e i suoi fenomeni, con le cose e con gli uomini…” (prefazione a Camineras),
Nicola Tanda: “La lingua poetica di Giovanni Fiori rappresenta la sua società in tutti i suoi risvolti di senso e segna le tappe del suo percorso letterario nella nostra storia. Il suo endecasillabo e i suoi versi armoniosi e perfetti evocano paesaggi e personaggi che si stagliano netti e per sempre nella nostra memoria… La sua lirica ha trasalimenti lirici che ancora la lingua poetica del passato non era riuscita ad esprimere e di cui le poesie di Benvenuto Lobina, soprattutto, avevano costruito il modello e l’esempio…” (prefazione a Bisos e chertos)
Antonio Sanna: “Giovanni Fiori è un poeta sindacalista, quindi non ha più nulla dei toni ampollosi o arcadici cari alla poesia tradizionale sarda. Qui siamo ormai in argomenti di lotta. C’è la ricerca della salvezza espressa attraverso la necessità della lotta e affermata come conquista” (Convegno “Dalla civiltà nuragica agli anni ’80, Poesia come salvezza - Selargius, 1980)
Paolo Pillonca: “Giuanne Fiore est fizu de una terra manna e de sa limba chi su póbulu sou hat faeddadu pro mizas de annos. Una limba ch’issu hat accasazadu cun sentidu profundu, chircada cun anelu de gosu pro sos sonos chi costoit intro e chi nde ’ogat a pizu cando cheret issa, intregados ebbia e chie la disizat e la connoscet de abberu… Cando sa limba giogat a discansu cun chie la possedit cun istima, tando non b’hat appentu revudadu a su poeta chi faghet su giogu… Gai Giuanne Fiore podet brincare trémenes negados a chie non meressit cuss’istrina…” (da Bisos e chertos);
Salvatore Tola: Per sua natura la poesia di Giovanni Fiori non può mai fermarsi alla pura contemplazione, ma deve in qualche modo incidere in positivo sulla condizione umana… Per la sua provenienza dal mondo contadino, nelle sue opere compare regolarmente la figura del padre, rievocato tra un lavoro e l’altro dei campi, preso a simbolo di una civiltà che rimane per questo autore un punto di riferimento essenziale dei sardi…” (da Letteratura in lingua sarda, CUEC, Cagliari 2006)

  1. Abbaidende attesu
  2. A chie?
  3. A manu tenta
  4. Aranzu ruju
  5. Babbu e-i sas bides
  6. Bardaneri
  7. Birde sa tanca mia
  8. Bisiones
  9. Budrones pro te
  10. Camineras
  11. Che tando
  12. Chirco su sole
  13. Disdicciada
  14. Dultzuras
  15. Fattu sos rios
  16. Fusti
  17. In caminu a disora
  18. In s’uttorinu
  19. Ispaneschende
  20. Ispigadora
  21. Ladros de vida
  22. Luna anzonedda
  23. Luna sarda in mesu chelu
  24. M’hap’a pesare
  25. Massaju
  26. Prommissas
  27. Pubadas de amore
  28. Punnende addainanti
  29. Sa cosa cheret... manizada
  30. S’aradu de babbu
  31. S’ebba murra
  32. Serenada a una rosa
  33. Sighende
  34. Si m’iscultas...
  35. Sònnios de poeta
  36. Sos primos bardaneris
  37. Subra sas abbas de su flumendosa
  38. S’ùltimu attunzu
  39. Umbras e lughes
  40. Ùrulu mudu

CONTOS

COSTANTINO LONGU    FRANCESCHINO SATTA     POESIE IN LINGUA ITALIANA

Elenco Poeti

INDICE  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U W X Y V Z