Maurizio Faedda

Maurizio Faedda è nato a Ittiri nel 1936. Figlio di una numerosa famiglia contadina, terminate le scuole elementari ha seguito i fratelli nel lavoro dei campi. La crisi del mondo agricolo, a metà degli anni ’50 spinse una moltitudine di giovani alla fuga dalle campagne. E anche il giovane Maurizio seguì quella strada. Iniziò a lavorare come scalpellino nelle tante cave della trachite rossa allora operanti a Ittiri. Successivamente entrò nel settore dell’edilizia fino a diventare un ottimo e provetto “mastru fraigamuru”. Il duro impegno nel lavoro quotidiano non gli impedì di curare da autodidatta le sue inclinazioni verso le buone letture, e ad amare e praticare la musica come componente della banda musicale cittadina e come appassionato della chitarra. Si impegnò anche nell’attività politica del suo paese, manifestando passione e sensibilità civiche, maturando coscienza e conoscenza dei problemi della gente più umile e assumendo anche cariche in prima persona nelle file dell’allora Partito Comunista Italiano. Per uomini come lui, ogni sia pur piccolo passo in queste direzioni viene sempre vissuto come una conquista. E in questo senso va letto il suo “approdo” alla poesia in lingua sarda. La passione del verseggiare, covata e sedimentata a lungo per il tramite di meditati e appassionati “esercizi”, lo ha portato, nella sua piena maturità umana e intellettuale, a godere i meritati riconoscimenti attribuitigli da diverse giurie nei concorsi. Oggi, Maurizio Faedda, può dirsi un poeta “de giudu”, stimato ed apprezzato da studiosi e amanti del bel verso.

  1. Aeras rujas de mare
  2. Amore mortore
  3. Dai chentu camineras
  4. Farfaruzas de poesia
  5. Gioghende cun sos sentidos
  6. In sa tanca a betzesa
  7. Luna amorosa
  8. Sa 'oghe de su mudine
  9. S'Itàlia unida
  10. Sónniu a oju abbertu
  11. Una rosa segada
  12. Vintitres de Trìulas 2009

CONTOS

COSTANTINO LONGU    FRANCESCHINO SATTA    POESIE IN LINGUA ITALIANA

Elenco Poeti

INDICE  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U W X Y V Z