Francesco Fulghesu

Francesco Fulghesu, noto Cicino, nato a Laconi il 14.08.1933, è uno dei poeti estemporanei che si è affacciato alla ribalta del palco nei migliori centri della Sardegna. Amante della lingua e della poesia sarda, uomo di una profonda cultura che gli permette di affrontare, in versi, qualsiasi argomento con dovizia di particolari e sempre preciso e meticoloso nelle varie conversazioni.
La poesia di Cicino è occasionale, l’ispirazione è sollecitata da una naturale disposizione a vedere sempre il mondo reale, popolato di sentimenti e affetti: il senso complesso dell’esistenza, della vita, con i dolori, i piaceri, le illusioni, i disinganni che essa comporta, le gioie e i cruci del vivere quotidiano, le caste dolcezze dell’amore, l’abbandono al piacere dell’amicizia, l’integrità della vita morale: un mondo animato anche dall’aspirazione del poeta di esprimerla con sincerità, verità e naturalezza.
Poeta di una versatilità unica, Cicino Fulghesu si cimenta, infatti, nella composizione de “sas ottadas”, de “sos sonettos”, de “sos trintases retrogados” e de “sas modas”, versi che solo i grandi poeti sanno comporre ed intrecciare con una destrezza unica ed una disinvoltura che solo chi è dotato da madre natura, grazie alla sua voce melodiosa, fa scaturire quella musicalità che permette di coinvolgere il pubblico che lo ascolta con tanta attenzione. (M.U.)

  1. A Tie, Laconi
  2. Risposta a sos Augurios de su cumpleannu
  3. S’àlvure ’e sa chessa

CONTOS

COSTANTINO LONGU    FRANCESCHINO SATTA    POESIE IN LINGUA ITALIANA

Elenco Poeti

INDICE  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U W X Y V Z