Gian Piero Stefanoni

Nato a Roma nel 1967 ed ivi laureato, in Lettere moderne, ha esordito nel 1999 con la raccolta In suo corpo vivo (Arlem edizioni, Roma) vincendo nello stesso anno, per la sezione poesia in lingua italiana, il premio internazionale di Thionville (Francia) e nel 2001, per l’opera prima, il “Vincenzo Maria Rippo” del Comune di Spoleto. Nel 2008 ha pubblicato Geografia del mattino e altre poesie (Gazebo, Firenze) a cui son seguiti nel 2011 Roma delle distanze (Joker, Novi Ligure) e gli ebooks La stortura della ragione (Clepsydra, Milano) e Quaderno di Grecia (Larecherche.it). Nel 2014 ancora per i tipi della Gazebo è uscito Da questo mare (includente l’omonimo poemetto uscito nel 2013 in ebook per LaRecherche.it unitamente al canto pasquale L'amore che ti manca edito nella sua prima versione per la cura delle Edizioni d'arte Musidora di Nina Maroccolo, ed ora presso la biblioteca della Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma). Ancora in ebook è La tua destra (LaRecherche.it, Roma 2105).

Presente in volumi antologici, suoi testi sono apparsi su diversi periodici specializzati e sono stati tradotti e pubblicati in greco, maltese, turco e spagnolo e in Italia nel dialetto di aree romagnole, abruzzesi e sarde.

Dal 2013 è recensore di poesia per LaRecherche.it e dal 2014 giurato del Premio Il giardino di Babuk- Proust in Italie. Tra i riconoscimenti, per l'inedito ama ricordare i premi “Via di Ripetta” e “Dario Bellezza” entrambi nel 1997.

  1. Di Lune e Tavole
  2. Sarrabus