Non ses pius
de Antonio Sannia

Ses 'istada mudore,
funtana de disizos,
e alenu chi 'olat in su 'entu;
brama, sentidu, amore,
lugore po sos chizos,
sole chi a su coro dat cheghentu.
Ses istada brassolu,
che luna prena dandemi consolu.

E ses istada iscuru,
cun in coro lumeras,
culilughes ch'atzeden s'infinidu;
lacana chena muru,
funtana 'e milli isperas,
chigula ch'in su chelu jaru nidu,
dipinghet d'ermosura,
fiorinde, sas mattas de sa mura.

Ses istada sienda,
in d'unu coro frittu
fiudu de sas abbas de s' 'eranu;
unda de mare e prenda,
che foza intro 'e su littu,
'asada da' sa lughe 'e su manzanu.
E ses istada ormina,
de pes isculzos chena raighina.

Finas pregadoria,
ses istada in sa vida,
oratzione dimandande affettu;
m'as mustradu sa 'ia,
ch'apo serradu a sida,
fuinde, ca po me fit solu apprettu,
in chirca 'e ateru logu,
de recreu, de vissios e de giogu.

E ses istada riu,
de abbas friscas, raras,
chi curren infundinde ateras benas;
sa littera 'e s'adiu,
an iscrittu sas laras,
lughidas de amore e como anzenas.
Ma in cussu tinteri,
su sentidu po me fit furisteri.

Non sei più

Sei stata silenzio,
fontana di desideri,
respiro che vola nel vento;
anelito, sentimento e amore ,
splendore per gli occhi,
sole che al cuore da calore.
Sei stata culla,
come luna piena dandomi conforto

E sei stata buio,
con nel cuore luminarie,
lucciole che accendon l'infinito;
confine senza muro,
fontana di mille speranze,
cicala che nel cielo nitido,
dipinge di bellezza
nel fiorire, i cespugli delle more.

Sei stata tesoro,
in un cuore freddo,
senza l'acqua della primavera;
onda del mare e perla,
come una foglia del bosco
bacciata dalla luce del mattino.
E sei stata orma,
di piedi scalzi che non han radici.

Anche preghiera
sei stata nella vita,
per chieder solo affetto;
mi hai mostrato la via,
che ho chiuso con frasche,
scappavo, era solo imbarazzo,
in cerca d'altri luoghi
di vizi, godimento e gioco.

E sei stata fiume
di acque fresche,
che bagnan ora altre sorgenti;
la lettera dell'addio,
hanno scritto le labbra,
lucide di amore e non più mie.
Ma in quel calamaio,
per me il sentimento era straniero.


Prima classificata alla IV editzione de su Premiu de poesia sarda "Armando Pira" - Nuoro 31 agosto 2007