Isetta, 'ista serena
de Antonio Sannia

Canta fiza a su chelu,
anninnias d' amore,
mira sa luna prena, est che brassolu;
cun frores de anelu,
isteddos de lugore,
mariposas lieras ch'in su 'olu,
carignan cussa rosa
tua, comente isposa,
e su sole indeorat de consolu,
petalos de dolore,
lughes noales de su primu albore

E iscanza su coro,
a su caldu 'e s'eranu,
disconnotu e ninnadu intro 'e su sinu;
cuadu che tesoro,
in d'unu mundu arcanu,
ue curret s'amore che trainu,
frichinidas de brama,
isperas ca ses mama,
s'orizonte 'e sa vida, su caminu
de custu prantu nou,
lagrimas d'unu cantu ch'est su tou.

Isculta donz'alenu,
chi mirat s'infinidu,
sa 'oghe 'e sas intragnas, su mudore;
e un incras pienu,
de gosu e de sentidu,
allinza po su tempus benidore.
Ca como sa natura,
tinghinde est sa figura,
cun reflessos de lughe e de lentore.
Sa 'ennida a sa vida,
de un' istella in chelu jara nida.

E chirca como pasu,
su campu est fioridu,
in sa paza at a nascher unu lizu;
l'as a dare unu 'asu,
isterrer cuss'ordidu
d' amore, ch'at sa mama po su fizu. Antonio Sannia

Aspetta, stai serena.

Canta al cielo, o figlia,
ninnananne d'amore,
guarda la luna piena,
sembra una culla,
con dei fiori di anelito,
stelle di splendore,
libere farfalle che nel volo,
carezzan la tua rosa,
come una sposa,
mentre il sole adorna di conforto,
quei petali di dolore,
le luci tenere del primo albore.

E spalanca il cuore,
al caldo della primavera,
sconosciuto e cullato dentro il seno;
nascosto come un tesoro,
in un mondo arcano,
dove come un ruscello scorre l'amore.
Briciole di desiderio,
speranze perchè sei mamma,
l'orizzonte della vita, la via
di questo nuovo pianto,
e le lacrime di quel canto
che è solo tuo.

Ascolta ogni respiro
che guarda l'infinito,
e del ventre materno
la voce ed il silenzio;
un domani pieno,
di sentimento e gioia,
appronta per il tempo che verrà:
Perchè adesso la natura,
adorna la tua figura,
con riflessi di luce e di rugiada.
La venuta alla vita,
di una stella, con il colore della neve,
che risplende nel cielo.

E cerca ora riposo,
il campo è fiorito,
nella paglia nascerà un giglio;
gli darai un bacio,
e stenderai quell'ordito
d'amore, che ha la mamma per il figlio.


Menzione d'onore alla XXVII edizione del concorso di poesia in lingua sarda "Sant'Antoni de su o'u" – Mamoiada Gennaio 2018