Bisos

Cando sos oggios serro e m'ingaleno,
de custu mundu tottu m'iscumparit
intr' 'e sa mente, inube m'assuleno
cussos dolores betzos, chi sa vida
m'at intregadu. E tottu si ch'iscrarit
in d-una lughe isparta e colorida.

E bisos mi cumparen, che pintados
da una manu sàbia e amiga,
chi mi mustran, in logos olvidados,
cuss 'amore chi pèrdidu creìa,
in d-una terra fèrtile e antiga,
inube bi creschiat issu ebbia.

In baddes solianas, attraesso
rios de abbas friscas e liéras;
e cun su coro meu mi cunfesso,
perdonu dimandàndeli, ca mai
l'aìo accumpanzadu in sas anderas
de custu logu amenu, bellu gai.

Trumas de zente bido, a manu tenta,
cun sa pedd' 'e colores differentes.
currinde subra s'erba, chi contenta
bàntzigat in su padru illaccanadu.
Car'a chelos de paghe relughentes,
su Deus sou onzunu at adoradu.

Ma, cun dispiaghere, mi nd'ischidan
sas boghes de su mundu, chi turmentan
custa mente, e su coro non m'acchidan,
ca cussos bisos sempre at disizadu.
E tando isperas noas si ch'assentan
intro 'e su logu ch'issu l'at lassadu.

In donz'ala 'e sa terra, o bisos mios,
bos dia cherrer bider ischidados,
po m'infunder in s'abba 'e cussos rios
sos nuscos respirande in sas aèras
de' cussos logos de paghe mudados,
sutta de lughes craras e sintzeras.

Sogni

Quando chiudo gli occhi e mi assopisco,
di questo mondo tutto mi scompare
dentro la mente, dove mitigo
quei vecchi dolori che la vita
mi ha consegnato. E tutto si schiarisce
in una luce soffusa e colorata.

E mi compaiono sogni, come dipinti
da una mano saggia e amica,
che mi mostrano, in luoghi dimenticati,
quell'amore che credevo perduto
in una terra fertile e antica,
dove esso soltanto vi cresceva.

In valli assolate, attraverso
ruscelli di acque fresche e pure;
e mi confesso con il mio cuore,
chiedendogli perdono, perché mai
l'avevo accompagnato nei sentieri
di quest'ameno posto, cosi bello.

Schiere di gente vedo, tenendosi per mano,
con la pelle di diverso colore,
correndo sull'erba, che contenta
ondeggia nel prato sconfinato.
Col volto verso cieli rilucenti di pace,
ognuno ha adorato il suo Dio.

Ma, con dispiacere, mi risvegliano
le voci del mondo, che tormentano
questa mente, e non danno quiete al mio cuore,
perché quei sogni ha sempre desiderato.
E allora nuove speranze si collocano
nel posto che ha loro riservato.

In ogni parte della terra, o sogni miei,
vorrei vedervi risvegliare,
per bagnarmi nell'acqua di quei ruscelli,
respirando i profumi nei cieli
di quei posti ornati di pace,
sotto luci chiare e sincere.

Gian Gavino Vasco
II classificato Sez. Sardegna alla terza ed. 2009 - Premio Poesia Sarda “Istillas de lentore” - Ulassai